Su le mani.

Lasciare andare gli angoli della bocca come le curve di un esponeziale positivo e del suo simmetrico rispetto all’asse delle ordinate. Sciogliere le spalle, fare aderire le scapole alla parete o al pavimento. Riempirsi la pancia d’aria senza trattenerla. Accarezzarti i capelli. Giacere stesi su un materasso senza doghe sotto. Abbracciarti fino a farti implodere, senza trattenermi, fino a quando … Continua a leggere