Quel tuo bel battiplettro in madreperla, che viti stanche tenevano abbracciato alla chitarra che suonavo per addormentarmi i nervi

The Rolling Stones - Exile On Main Street.jpgQuel tuo bel battiplettro di madreperla, che viti stanche tenevano abbracciato alla chitarra che suonavo per addormentarmi i nervi.

Reti fansmatiche di linee logiche, come al centro di un enorme cubo rompicapo colorato di tutti i colori fondamentali, più qualcuno derivato. Fumo sintetico. Come quello dei concerti, inutile, soffocante, appiccicoso. Luci intermittenti. Copulazioni random come bassorilievi sulle tante colonne. Musica post-industriale senza radici ne scopo.

<<Fuori fa veramente un freddo del cazzo>> pensò, osservando.

Poi estrasse il suo accendino a forma di revolver <<Ora derubo tutti e apro una ferramenta in equador, …oppure una sartoria in brasile>>.

Fissò la taglia 52 con abiti taglia 44 che boccheggiava dalla sua MS. Appena sopra la sua nuvola decolorata, con un rapporto 3:1 di punte:capelli, il simbolino di una specie di sigaro fumante barrato in rosso. Accese la sua Camel con il revolver. Fece quattro tiri di tabacconicotinacatramesudoredopobarbaalcolevaporatofumosintetico e pensò quale tra le due cose fosse migliore: morire soffocati o morire di freddo. Si grattò il pizzetto, trasandato ma all’apparenza affascinante, e lasciò la domanda sospesa in quell’angolino dove si era fermato, fluttuante in attesa di essere risolta.

<<Ora, la buona azione della serata>> con crescente ribrezzo, forzò la sua volontà; con palmo di mano spalancato si avvicinò alla signorina (signora?) 52, e diede una corposa tastata alla ballonzolante natica sinistra, provocandone il sorriso compiaciuto della proprietaria. Dopo 5 montenegro+cointreau quello era veramente troppo. Corse fuori. Vomitò tre volte tutto quello che aveva bevuto e che non aveva mangiato da oramai 2 giorni.

<<Fanculo le buone azioni>>. Disse. E accanto all’entrata laterale si accasciò. Poi si addormentò.

Quel tuo bel battiplettro in madreperla, che viti stanche tenevano abbracciato alla chitarra che suonavo per addormentarmi i nerviultima modifica: 2009-03-15T14:31:00+01:00da clarissa_seton
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Quel tuo bel battiplettro in madreperla, che viti stanche tenevano abbracciato alla chitarra che suonavo per addormentarmi i nervi

Lascia un commento